Dal folclore della Sicilia al folclore del Lazio…22 anni dopo!

IMG_6660.JPG


“U Mottu di l’antichi mai falliu”
Indovinelli – Proverbi – Canti – Preghiere – Soprannomi – Filastrocche – Modi di dire – Dialoghi del territorio isnellese 1986/87
La raccolta effettuata dagli alunni della classe IIA e IIB della Scuola Media Statale “L. Pirandello” di Isnello affiancati dai docenti delle rispettive classi e curata dalla Prof.ssa M. R. Mazzola è nata dall’esigenza di studiare l’ambiente in cui la Scuola opera.
La ricerca è stata oggetto di programmazione da parte del Collegio dei Docenti che ha formulato il seguente obiettivo educativo-didattico: Valorizzazione dei rapporti culturali intercorrenti tra Scuola e ambiente locale.
A tal fine, il contenuto operativo è stato lo studio del territorio di Isnello dal punto di vista fisico-economico-sociale.
Poiché il lessico “’a parrata”, è parte integrante della vita di un popolo interessante e significativo è stato compiere una ricerca lessicale dalla viva voce degli abitanti di Isnello.
Le classi, opportunamente guidate, tramite interviste, colloqui e registrazioni hanno riportato alla luce i più comuni modi di dire, proverbi, filastrocche, canti, scioglilingua che hanno costituito e, in parte costituiscono ancora, il patrimonio lessicale degli abitanti di Isnello. Il lavoro svolto è stato condotto non dal punto di vista critico ma come rilevazione spontanea diretta del linguaggio dialettale trasmesso dalla gente ai ragazzi.
Il materiale raccolto è una testimonianza del linguaggio isnellese; il lavoro prodotto può essere premessa per ulteriori ricerche più approfondite.
Per i ragazzi è stata l’occasione per conoscere meglio l’autentico linguaggio isnellese e motivo di riflessione sui valori della vita, sulle virtù che l’uomo deve possedere, sui vizi e difetti che deve evitare, sul rispetto reciproco, sull’amicizia, sui rapporti familiari e sociali, sulla dedizione al lavoro, sulla conoscenza della natura delle stagioni, dei frutti della terra, del mondo animale, sulla concezione della figura maschile e femminile, nonché su altri aspetti della vita tra cui preminente quello religioso.
Il materiale prodotto mostra la ricchezza interiore degna di altissimo rispetto che, tramite il linguaggio, questa popolazione madonita ha sempre manifestato e continua a manifestare e che ne costituisce un vero vanto.
L’augurio più bello è che le nuove generazioni possano sempre conservare con il più alto rispetto ciò che il passato ha saputo regalare al presente e tramandarlo in avvenire.
Roma bella – Folclore del Lazio
Musica popolare, Poesia dialettale, Feste e ricorrenze tradizionali,
Teatri di Roma, Antichi mestieri, Proverbi, Cucina romana
La musica popolare è l’anima di un popolo. La poesia dialettale ne è l’espressione verbale. Il dialetto locale esprime le tradizioni e l’umanità della gente che ne fa uso.
Conoscere e saper apprezzare gli elementi del patrimonio folclorico locale, regionale e nazionale arricchisce la sensibilità di ognuno e ci restituisce il senso di appartenenza alla comunità di cui siamo parte.
Maneggiare le espressioni artistiche, riproducendone e rielaborandone i contenuti ci rende parti attive e proprietarie del nostro patrimonio culturale e delle nostre profonde radici.
Il progetto Roma bella della classe 2 C della S.M.S. G.B.Piranesi di Roma ha perseguito questo scopo.
Gli alunni della classe 2 C, con l’ausilio dei metodi combinati del Costruttivismo e del Costruzionismo sociale, in dinamiche alternate di lavoro di gruppo e individuale, facilitati dalle docenti di Musica (M.R.Mazzola) e di Lettere (D. Santoni), hanno percorso un coinvolgente itinerario didattico sul tema “FOLCLORE del LAZIO”. Hanno usato le TIC a partire dalla ricerca dei materiali audio/video/letterari, per continuare nella scelta ed elaborazione dei contenuti, nella realizzazione di due prodotti video Roma bella e Roma bella 2, pubblicati in rete su YouTube, e di una raccolta di contributi audio in mp3 a corredo, su supporto Cd, per giungere infine alla stesura della bozza e alla stampa definitiva di un libro usando semplici tecniche di scrittura collaborativa, di revisione e impaginazione di un testo con un Word processor.
A ciò si è aggiunta la cura dell’aspetto musicale pratico con l’orchestrazione di un saltarello e di una ballarella; l’esecuzione vocale di canti popolari del Lazio; l’esperienza dell’ascolto e della visione di contributi audiovisuali dedicati al tema oggetto della ricerca.
La semplicità dell’approccio e la curiosità di ciascuno rispetto a questi repertori ha conferito all’intero processo una pennellata di colore originale. I due metodi del Costruttivismo e del Costruzionismo sociale pongono al centro dell’attenzione l’interazione fra gli studenti, e la relazione fra gli studenti e l’oggetto di conoscenza. Il primo metodo, in particolare, si è interessato della relazione tra studente e oggetto di conoscenza, Il folclore nel Lazio, vista in termini concreti con la produzione di artefatti (libro, cd, video, esecuzioni musicali, balli folcloristici…,); il metodo del Costruzionismo sociale, invece, ha controllato la relazione tra gli studenti e la co-costruzione di una conoscenza che è derivata dal confronto delle conoscenze e dei punti di vista di tutti, studenti e docenti, impegnati in un unico processo di apprendimento collaborativo.
La bellezza delle nostre radici va difesa, rispettata e apprezzata. Ciò che si condivide e si contribuisce a tramandare alle future generazioni resta vivo nel tempo e questa è la responsabilità culturale di ciascun uomo di ogni epoca.
Maria Rosa Mazzola

Questa voce è stata pubblicata in Classi prime, Classi seconde, Classi terze, Didattica musicale, Libri, Materiali didattici per i miei alunni, Tecnologie e didattica. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...