Lo scoiattolo in gamba di Nino Rota e Il carnevale degli animali di Camille Saint-Saëns

20 Aprile 2016

Classi 1B e 2B

Lo scoiattolo in gamba

favola lirica in un atto di Eduardo De Filippo, musica di Nino Rota

Scena I

Nel bosco lo scoiattolo piange disperato perché ha perso i suoi genitori ed è rimasto senza denti. Nulla di più ridicolo di uno scoiattolo senza denti!

Quando il Re Pappone sente le sue lamentele gli propone di procurargli una meravigliosa dentiera d’oro a patto che in cambio lo scoiattolo si impegni a preparargli un pranzo luculliano. Il Re tuttavia lo avverte che se svolgerà male il suo compito, sarà condannato a morte. Lo scoiattolo, per nulla spaventato dalla prova che dovrà affrontare, accetta l’impresa.

Scena II

Più tardi, nella cucina della reggia, lo scoiattolo si rende conto di non saper cucinare, ma decide lo stesso di inventarsi qualche ricetta sfiziosa. Dunque si getta a capofitto nella preparazione di un pasto molto elaborato per fare una buona impressione agli ospiti. Stanco per la fatica e le forti emozioni, decide di andare a risposare, rinviando all’indomani la conclusione del suo lavoro. Nel frattempo però, gli invitati stanno arrivando da tutte le parti del mondo per celebrare il nuovo calendario che prevede ogni giorno una festività e dunque riposo tutto l’anno!

Il Ciambellano si reca nelle cucine per verificare lo stato di preparazione del pranzo e trova lo Scoiattolo addormentato; furibondo, gli chiede la ragione del ritardo. Lo scoiattolo impertinente risponde che il Re è così grasso da poter ben aspettare.

Scena III

Sono ormai passati trenta giorni e nella sala da pranzo il Re e tutti i suoi invitati sono esausti e affamati, ma hanno comunque deciso di aspettare fin quando non sarà pronto. Stanco di aspettare, il Re prova a spaventare lo scoiattolo intimandogli che se entro un’ora non sarà servito in tavola lo farà decapitare.

Scena IV

Alla fine lo scoiattolo riesce a terminare in tempo il suo lavoro ed è molto soddisfatto dei risultati e di aver scampato la terribile punizione di Sua Maestà, ma si sente terribilmente stanco. Vedendo la sua immagine riflessa in una pentola nota che, miracolosamente, gli sono cresciuti i denti. Non ha più bisogno della dentiera del Re! Felice ed arrabbiato per la fatica, entra in cucina e divora tutte le pietanze preparate per il banchetto. Quando il Ciambellano entra in cucina, non trova né il pranzo né lo scoiattolo che è già fuggito lasciando il Re e i suoi ospiti disperati intorno al tavolo!

 

Il carnevale degli animali

Musica di Camille Saint-Saëns

Il balletto, Il carnevale degli animali, chiamato anche dal suo compositore Camille Saint-Saëns Grande fantasia zoologica, consta di 14 brevissimi gioielli musicali, scritti per un ristretto organico orchestrale, che descrivono con umorismo e grande fascino il mondo animale.

 

1.      Introduzione e Marcia reale del leone 8. Personaggi dalle orecchie lunghe (Asini)
2.      Galline e galli 9. Il cucù nel bosco
3.      Emioni (Cavalli veloci) 10. Voliera
4.      Tartarughe 11. Pianisti
5.      L’elefante 12. Fossili
6.      Canguri 13. Il cigno
7.      Acquario 14. Finale

Quello a firma di Davide Bombana è il secondo balletto nella storia del Teatro dell’Opera di Roma, ma il primo a essere ideato e pensato per un pubblico giovane cha va dai 4 ai 14 anni, con un importante messaggio ecologico: amare e rispettare sempre gli animali e la natura. Il coreografo italiano, di chiara fama internazionale, evita così ogni forma di astrazione e intellettualismo, rimane fedele alla concezione del divertissement pensata dal compositore e propone una serie di danze eterogenee in stile con atmosfere multiformi e colorate, volte a descrivere il mondo animale nella sua gioia istintiva e disordinata. Il celebre pezzo “Il cigno” con il quale si chiude il balletto, dopo un pre-finale esplosivo, non presenta qui un meraviglioso cigno bianco sulle punte, ma un volatile dalle piume impregnate di petrolio che non riesce a volare e, costretto al suolo, si lascia lentamente morire.

Il Coreografo Davide Bombana dichiara: “È la prima volta che creo un balletto per bambini e lavoro con i ballerini del Teatro dell’Opera di Roma. È entusiasmante fare parte della prima stagione di Eleonora Abbagnato: amica e musa ispiratrice di mie diverse creazioni, qui, oggi, Direttrice del Ballo. Un vero onore e piacere. Ho sempre amato la bellissima partitura di Saint-Saëns, ricca di brio, fantasia e fascino.
Trovo molto educativo per i bambini il tema degli animali e dell’amore che dovrebbe legarci a loro”.

(Fonte Dipartimento didattica Teatro dell’Opera di Roma)

12990919_1386909061324969_4865391833166480392_n (1) 13015639_1385541374795071_3258662693184877571_n 12936712_1383528394996369_4235377096393408770_n 13006495_1384832844865924_2699312750721782603_n 13001037_1385609881454887_4779279117203828516_n 13015128_1386273818055160_7461911996397073617_n 12974430_1386377938044748_3096187574946279509_n 12990919_1386909061324969_4865391833166480392_n 13010739_1386910164658192_3863735760314094265_n 13015429_1386925847989957_7409524022871967229_n 12963768_1386991851316690_1903288880433132712_n 13015312_1387015261314349_4755536927787365846_n 12472639_1380181575331051_938502894159761925_n 12993596_1387168334632375_6429551058086133644_n

Questa voce è stata pubblicata in Cl@ssi 2.0 2009-16, Classi prime, Classi seconde, Didattica musicale, Materiali didattici per i miei alunni, Teatro musicale. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...