MoTab…musica corale!

Il Mormon Tabernacle Choir,  indicato anche come MoTab, è un coro statunitense di 360 membri, facente parte della Chiesa di Gesù Cristo dei santi degli ultimi giorni di Salt Lake City (Utah) e attivo dal 1847. John Parry è stato nominato primo direttore ufficiale del coro, mentre solo un paio di anni più tardi è stato completata la cupola del tabernacolo ancora oggi esistente. Sotto la direzione di Evan Stephens, intorno al 1893, il coro ha fatto il suo primo tour negli USA. Il coro ha fatto le sue prime registrazioni ufficiali nel 1910, nella trasmissione radiofonica Music and the Word, debuttando per l’emittente KSL. Le registrazioni del programma sono andate avanti fino al 1932. Nel 1959 il coro, grazie alla registrazione del The Battle Hymn of the Republic, ha guadagnato un Grammy, seguito nel tempo da una serie di dischi d’oro e di platino.

Battle Hymn of the Republic

L’inno di battaglia della Repubblica è un inno ideato dalla scrittrice statunitense Julia Ward Howe utilizzando la musica dalla canzone John Brown’s Body. Le parole furono scritte nel novembre 1861 e pubblicate la prima volta sul The Atlantic Monthly, nel febbraio 1862.

Il canto è diventato estremamente popolare durante la guerra civile americana. Da quel momento è diventata una popolare e ben nota canzone patriottica americana.

TESTO

Mine eyes have seen the glory of the coming of the Lord:
He is trampling out the vintage where the grapes of wrath are stored;
He hath loosed the fateful lightning of His terrible swift sword:
His truth is marching on.

Chorus:
Glory, glory, hallelujah!
Glory, glory, hallelujah!
Glory, glory, hallelujah!
His truth is marching on.

I have seen Him in the watch-fires of a hundred circling camps,
They have builded Him an altar in the evening dews and damps;
I can read His righteous sentence by the dim and flaring lamps:
His day is marching on.

(Chorus)

I have read a fiery gospel writ in burnished rows of steel:
“As ye deal with my contemners, so with you my grace shall deal;
Let the Hero, born of woman, crush the serpent with his heel,
Since God is marching on.

(Chorus)

He has sounded forth the trumpet that shall never call retreat;
He is sifting out the hearts of men before His judgment-seat:
Oh, be swift, my soul, to answer Him! be jubilant, my feet!
Our God is marching on.

(Chorus)

In the beauty of the lilies Christ was born across the sea,
With a glory in His bosom that transfigures you and me:
As He died to make men holy, let us die to make men free,
While God is marching on.

(Chorus)

He is coming like the glory of the morning on the wave,
He is Wisdom to the mighty, He is Succour to the brave,
So the world shall be His footstool, and the soul of Time His slave,
Our God is marching on.

(Chorus)

Amazing Grace

Amazing Grace è uno dei più famosi inni cristiani in lingua inglese del ‘700.

Il titolo, che significa “grazia meravigliosa”, fa riferimento a diversi passi biblici:

«Per questa grazia, infatti, siete stati salvati mediante la fede; questo non viene da voi ma è grazia di Dio; né viene dalle opere, perché nessuno possa vantarsene» (San Paolo, Lettera agli Efesini 2,8-9)

«Chi sono io, Signore Dio, perché Tu mi abbia condotto fin qui? E quasi fosse poco ai tuoi occhi, o Dio, ora parli della casa del tuo servo nel lontano avvenire; mi hai fatto contemplare come una successione di uomini in ascesa, Signore Dio!».

TESTO

« Amazing Grace! How sweet the sound.
That saved a wretch like me!
I once was lost, but now I am found.
Was blind but now I see.

It was Grace that taught my heart to fear.
And Grace my fears relieved:
How precious did that Grace appear
The hour I first believed!

Through many dangers, toils and snares
I have already come;
This Grace has brought me safe this fare,
And grace will lead me home.

The Lord has promised good to me.
His word my hope secures;
He will my shield and portion be
As long as life endures.

Yea, when this flesh and heart shall fail,
And mortal life shall cease,
I shall possess, within the veil,
A life of joy and peace. »

Traduzione in It

« Meravigliosa Grazia! Quanto è dolce il suono,
che ha salvato un miserabile come me!
Un tempo ero perso, ma ora mi sono ritrovato.
Ero cieco ma ora vedo.

È stata la Grazia ad insegnare al mio cuore il timore (di Dio)
ed è la Grazia che mi solleva dalla paura;
Quanto preziosa mi è apparsa,
Nell’ora in cui ho iniziato a credere!

Attraverso molti pericoli, insidie e fatiche
sono passato;
La Grazia mi ha condotto in salvo fino a qui,
E la Grazia mi condurrà a casa.

Il Signore mi ha promesso il bene,
la Sua parola dona certezza alla mia speranza;
Egli sarà la mia difesa e la mia eredità,
per tutta la durata della vita.

Già, quando questa carne e questo cuore verranno meno,
E la vita mortale avrà fine,
io entrerò in possesso, oltre il velo,
di una vita di gioia e pace. »

You Raise Me Up

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...