Sardegna – No photo reposare

Tazenda – Andrea Parodi – No Potho Reposare – Original


Non potho reposare amore ‘e coro
Pensende a tie so donzi momentu
No istes in tristura, prenda ‘e oro
Ne in dispiachere o pensamentu
T’assicuro ch’ a tie solu bramo
Ca t’amo forte t’amo, t’amo, t’amo

Si m’essere possibile d’anghelu
S’ispiritu invisibile piccabo
Sas formas e furabo dae chelu
Su sole e sos isteddos e formabo
Unu mundu bellissimu pro tene
Pro poder dispensare cada bene
Unu mundu bellissimu pro tene
Pro poder dispensare cada bene

No potho viver no chena amargura
Luntanu dae tene amadu coro
A nudda balet sa bella natura
Si no est accurtzu su meu tesoro

T’assicuro ch’a tie solu bramo
Ca t’amo forte t’amo, t’amo, t’amo
T’assicuro ch’a tie solu bramo
Ca t’amo forte t’amo, t’amo, t’amo.


Andrea Parodi – Non Potho Reposare – Ultimo Concerto


Paolo Fresu – No Potho Reposare


A Diosa (più conosciuta come No potho reposare) è una canzone scritta nel 1920 dal compositore Giuseppe Rachel col tempo di valzer inglese, sulle parole della omonima poesia, scritta nel 1915, dell’avvocato sarulese Salvatore Sini.

Questo brano è un canto d’autore di ispirazione folklorica e da tempo è entrato a far parte della cultura e della tradizione popolare sarda.


Maria Carta – Andrea Parodi – No Potho Reposare – Live 1993


Andrea Parodi (Porto Torres, 18 luglio 1955 – Quartu Sant’Elena, 17 ottobre 2006) è stato un cantautore e produttore discografico italiano.


Maria Carta (Siligo, 24 giugno 1934 – Roma, 22 settembre 1994) è stata una cantautrice e attrice italiana. Durante la sua carriera di cantante ha ripercorso i molteplici aspetti della musica tradizionale sarda, in particolare del cantu a chiterra, del repertorio popolare dei gosos, delle ninne nanne e del canto tradizionale religioso (canti gregoriani). Ha saputo aggiornare la tradizione con arrangiamenti moderni e personali.


Stabat Mater di Maria Carta (Andrea Parodi e Elena Ledda)


Stabat Mater

Nàdelu Segnora mia
sezis cussa lastimada
chi giaman Maria?
Mama proite cuades
sa cara bianca che nie
nàdenos, pro chie?
Sa Segnora nostra at prantu
tota sa notte a sucutu,
mannu est su corrutu.
Su sambene s’est asciutu
in sas venas de una rosa.
Mama dolorosa.
Amen.
Sas ispinas disatentas
affligidu an sas intragnas
de su Fizu ’e Deus.
Ahi, isculta Fizu meu
salvalu s’homine reu,
perdonalu, colpidu.
Amen.
Mamas chi fizos penades
mirade cantu dolore
mortu est su Segn
Questa voce è stata pubblicata in Classi prime, Classi seconde, Classi terze, Didattica musicale, Materiali didattici per i miei alunni, Risorse didattiche dal web, Teatro musicale. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...