EPICT

Webinar sulla Musica! all’Associazione EPICT

webinar-sulla-musica-mazzola

epict-mazzola


MUSICA alla Scuola Secondaria di I Grado . Buone pratiche d’ascolto in classe.
Webinar live 10 novembre 2016


EPICT – Patente Pedagogica Europea sull’uso delle tecnologiedell’Informazione e della Comunicazione

epict%20logo.jpg
EPICT (Patente Pedagogica Europea sulle TIC) è un percorso di apprendimento indirizzato a insegnanti e formatori e finalizzato all’acquisizione di competenze nell’uso pedagogico delle Tecnologie per l’Informazione e la Comunicazione (TIC): non l’uso delle TIC fine a se stesso, ma per raggiungere obiettivi pedagogici con i propri studenti.
Tre sono gli obiettivi principali che caratterizzano la Patente Pedagogica EPICT:
1.Potenziare e promuovere l’uso della tecnologia all’interno di azioni di insegnamento e attività di apprendimento.
2.Ottimizzare il ritorno degli investimenti relativo all’uso di strumenti tecnologici da parte di scuole o enti di formazione.
3.Fornire una qualifica riconosciuta a livello internazionale (sono 70.000 gli insegnanti/formatori nel mondo in possesso della certificazione EPICT, di questi, 400 in Italia) che certifichi la competenza d’uso delle TIC per educare e far didattica.
Il modello didattico EPICT è centrato sull’e-learning e il lavoro di gruppo ed è stato sviluppato e validato nell’ambito del progetto europeo eContent EPICT (European Pedagogical ICT Licence).
——————————————————————————–
Storia di EPICT
La Patente Pedagogica EPICT adotta un modello didattico sviluppato durante gli anni 2003/2005 nel Progetto Europeo EPICT. Partner del progetto sono stati: Danimarca (UNI-C),Grecia (Lambrakis Research Foundation), Ungheria (UNESCO – Centre for ICT in Education) e Italia (DIST – Dipartimento di Informatica Sistemistica e Telematica dell’Università di Genova con il Liceo Ginnasio Giorgione di Castelfranco Veneto – Treviso).
No alle tecnologie senza un fine pedagogico
è stato il motto del Progetto EPICT
La filosofia che ha guidato il progetto, e che caratterizza il modello pedagogico di EPICT, è centrata sulla convinzione che per chi si occupa di formazione non è sufficiente saper utilizzare le tecnologie per farne un proficuo impiego nella quotidiana pratica professionale.
——————————————————————————–
Con EPICT i docenti:
sviluppano concrete competenze e abilità nell’utilizzo delle Tecnologie per l’Informazione e la Comunicazione per la quotidiana pratica didattica;
imparano a usare le TIC come strumento pedagogico;
imparano a usare le TIC come strumento per progetti interdisciplinari;
acquisiscono punteggio utile allo sviluppo professionale.
Scarica il Syllabus Epict 2009
Download file

pdf
Esame di Certificazione finale Epict 19 dicembre 2010 – Roma, Università degli Studi ‘La Sapienza’
Certificazione finale epict.JPG
da sinistra: Prof. Giovanni Adorni – Università degli Studi di Genova – Raffaella Nespola, Francesco Paolo Scaglioso, Maria Rosa Mazzola, Alessandra Di Blasio, Alberta Ciccarello, Anna Pellegrino, Elisa Lanzara, Elettra Ercolino.
Attestato Epict034.jpg
EPICT cura particolarmente il mantenimento della qualità della percorso didattico che porta alla certificazione EPICT. Per assicurare il massimo livello di qualità, i principali strumenti sono i seguenti:
un aggiornamento annuale dei materiali didattici a livello nazionale in coerenza con gli aggiornamenti effettuati a livello internazionale;
una formazione e un aggiornamento annuale dei formatori assegnati alla gestione dei corsi EPICT, accreditati come Facilitatori EPICT.
E’ in corso lo studio per la mappatura del syllabus EPICT sul modello Europeo EQF (European Qualification Framework), il sistema di riferimento per le qualifiche delle competenze a cui tutti i corsi europei dovranno conformarsi entro il 2010
Epict è il primo partner di UNESCO per la validazione del “UNESCO ICT Competency Framework for Teachers” (ICTCFT). In collaborazione con Microsoft, Intel, Cisco e ISTE, UNESCO ha sviluppato un modello di competenze ICT per i docenti. Unesco ha scelto EPICT come primo partner per la fase di validazione e della progettazione di modelli di diffusione.